Company Logo
Una partita di scacchi passa attraverso tre fasi: la prima, quando sperate di essere in vantaggio, la seconda, quando siete certi di avere un vantaggio, e la terza... quando vi rendete conto che state inesorabilmente perdendo la partita! (Savielly Tartakower)

Bacheca

 

 mark news

Corso Scacchi base

Circolo Thiene

dal 9 Febbraio ore 15:00

(brochure)

 

 mark news

GranPrix Rapid

"Spartacus"

Circolo Thiene

ogni ultimo sabato del mese

6 partite da 12'30'' 

premiazione a fine anno!

 

youtube

Canale Scacchi Thiene

 

 ultimo agg. 13/01 ore 09:45

 

Angolo dell'Analisi

Tornei

 

on Chess

Ampelio 2019

in corso

(La Classifica)

 

 

Tornei 2018

Tornei 2017

Tornei 2016

 

 

reginadegliscacchi2

 

Un altra segnalazione ed un altro libro. Che dire: siamo in procinto delle vacanze estive e magari qualche lettura rilassante fa sempre piacere. In soccorso ci viene Andrea che ci suggerisce questo libro.

 

Ciao a tutti, restando in tema di letture estive consiglio questo ottimo libro che per una volta vede come protagonista una donna che diventerà futura campionessa di scacchi.....

Il libro io l'ho letto e devo dire che è molto avvincente, ti fa vivere la tensione dei veri tornei....

 

Beth Harmon ha otto anni è orfana e vive presso l'istituto Methuen Home di Mount Sterling nel Kentucky. I bambini accolti nell'istituto ricevono tutti una pillola di tranquillante due volte al giorno e sono tenuti a rispettare molte regole. Un giorno Beth scopre, nello scantinato della scuola, il custode, signor Shaibel, giocare da solo a scacchi ed in breve il fascino del gioco l'avvolge in spire sempre più strette. Mentre sviluppa una pericolosa dipendenza da tranquillanti e la direttrice le proibisce di giocare a scacchi nonostante la sua eccezionale bravura, Beth continua a coltivare dentro di sé la sua passione, che la porterà in seguito ad entrare nel mondo degli scacchisti professionisti.

 

La Beth descritta da Walter Tevis è una bambina che sembra essere sommersa e soffocata dalla vita dell'orfanotrofio, con le sue regole fatte apposta per annientare lo spirito che c'è dentro di lei e verso cui Beth prova un rigido distacco e senso di rifiuto. Attraverso l'utilizzo dei tranquillanti, Beth trova l'unico modo di allontanare da sé l'ansia che la divora per una vita che non la rappresenta e non la capisce. Quando l'uso dei tranquillanti viene vietato, Beth, che ne è ormai dipendente, si troverà ad un bivio di assoluto terrore.

 

La passione per gli scacchi resta per lei l'unica dimensione a cui sembra appartenere, in cui il suo straordinario talento matematico si sviluppa e si definisce. Beth non si piace fisicamente e non si riconosce nel mondo di regole e ipocrisia della Methuen, dove l'unica figura che le diverrà cara sarà quella della ragazza di colore Jolene, ragazzina sprezzante e tenace a cui si legherà in uno strano rapporto di odio-affetto. Al di fuori della Methuen Beth farà di tutto per riuscire a ritrovare la strada che le appartiene davvero, quella del gioco degli scacchi, e a cui poi si aggrapperà saldamente. Beth ha un talento innato e non comune che in breve la porterà a vincere sfide e campionati e la proietterà verso la ricerca di importanti titoli nel settore. Walter Tevis ricostruisce una figura tenace e determinata, ma allo stesso tempo fragile nel suo rapporto con il mondo, da cui Beth si allontana mediante i tranquillanti prima e l'abuso d'alcol poi. L'unico vero ponte fra Beth e gli altri restano gli scacchi.

 

Anche all'interno di tutta la confusione generata dalle sue dipendenze e dalle sue paure Beth riuscirà a definire se stessa solo nel gioco che le appartiene con lacci indissolubili. Se infatti nel corso della storia Beth avrà delle storie amorose, queste saranno sempre vissute con distacco, mentre tutto quello che fa vibrare realmente la sua sfera emotiva rimarrà legato alla sua passione e al suo talento per il gioco. La regina degli scacchi però non è solo la storia di una incredile scacchista, ma anche la narrazione di un mondo (quello degli scacchi) in cui le donne sono ancora viste come delle estranee, non ancora pienamente accettate o riconosciute per il loro valore e in cui Beth si farà strada con tenacia. Walter Tevis ha unito in questa storia alcune sue personali vicende, la dipendenza da tranquillanti e l'abuso d'alcol, con la parziale ricostruzione in chiave romanzata della straordinaria carriera scacchistica di un giocatore americano realmente esistito Bobby Fischer, a cui si è quasi sicuramente ispirato.

 

Buona lettura

 

 

 



Puzzle del Giorno


I Migliori 10

2700chess.com per maggiori dettagli

Albo D'oro (Sociale Thiene)

 

 

2018 Grotto Gianluca

2017 Fantin Tiziano

2016 Manfrin Mirko

2015 Benacchio Massimo

2014 Fantin Tiziano


Content  By Gianluca Grotto