Company Logo
Una partita di scacchi passa attraverso tre fasi: la prima, quando sperate di essere in vantaggio, la seconda, quando siete certi di avere un vantaggio, e la terza... quando vi rendete conto che state inesorabilmente perdendo la partita! (Savielly Tartakower)

Bacheca

 

 

 mark news

Torneo Rapid (Fine Anno)

Sabato 17 Dicembre

 

 mark news 

Iscrizione 2023

Modulo Iscrizione

  

youtube

Canale Scacchi Thiene

 

 ultimo agg. 27/11/2022 ore 10:00

 

Angolo dell'Analisi

Tornei

 

on Chess

Spartacus 2022

Classifica Generale

concluso

(La Classifica)

 

on Chess

Spartacus

26/11/2022

concluso

(La Classifica)

 

on Chess

Spartacus

05/11/2022

concluso

(La Classifica)

 

on Chess

Spartacus

01/10/2022

concluso

(La Classifica)

 

 

 

Tornei 2022

Tornei 2021

Tornei 2020

Tornei 2019

Tornei 2018

Tornei 2017

Tornei 2016

 

 

 

latavolafiamminga

Gli scacchi non sono solamente un gioco ma anche spunto interessante per creare sublimi romanzi.
La letteratura ha vari esempi di romanzi il cui contenuto riporta almeno un cenno al nobile gioco degli scacchi, ne cito solamente alcuni, che tra l'altro ho letto:

  • Zugzwang. Mossa obbligata
  • La regina degli scacchi
  • La variante di Luneburg

 

 

Ma tra i molti romanzi, oggi vorrei segnalarvi un bellissimo libro letto recentemente e che mi ha affascinato molto. Trattasi di un triller che si sviluppa attraverso una partita a scacchi da giocarsi a ritroso (capito bene: ricostruiscono una partita giocando a ritroso) riprodotta su un antico dipinto.

Non vi anticipo altro ma di seguito vi riporto la trama.........

La tavola fiamminga (La tabla de Flandes) è thriller scacchistico Arturo Pérez-Reverte.

quadrovanhuys

 

Julia è una giovane restauratrice che fa una scoperta incredibile. Restaurando "La partita a scacchi", un dipinto di  Pieter Van Huys del 1471, attraverso una scansione a  Raggi X, scopre infatti che sotto la vernice si nasconde una frase latina: «Quis necavit equitem», "Chi ha ucciso il cavaliere?".

Il mistero nasce dal fatto che la frase è stata nascosta dal pittore stesso, convinto così di nascondere quel suo interrogativo.

Forse "equitem" si riferisce al nobile ritratto, o forse al pezzo degli scacchi, il Cavallo: potrebbe quindi suonare come "chi ha mangiato il Cavallo?". Il dipinto, infatti, mostra chiaramente una partita a scacchi fra due uomini (si veda riquadro sotto).

Julia decide così di rivolgersi a César, colui che le ha fatto da padre, e a Muñoz, un provetto scacchista che "non vuole vincere" per cercare di risolvere quello che solo all'apparenza è un problema secondario. Stanno avvenendo strane morti, infatti, fra i proprietari del quadro e fra chi ne viene a contatto. Forse, scoprendo chi ha ucciso il cavaliere nel 1471, si scoprirà l'assassino attuale.

 
Spero di aver suscitato almeno un po' di curiosità ed interesse.

 

Andrea

 



Puzzle del Giorno


I Migliori 10

2700chess.com per maggiori dettagli

Albo D'oro (Sociale Thiene)

 

2022 Le Van Alessandro

2019 Fantin Tiziano

2018 Grotto Gianluca

2017 Fantin Tiziano

2016 Manfrin Mirko

2015 Benacchio Massimo

2014 Fantin Tiziano


Content  By Gianluca Grotto